Suona la campanella.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Domenica 25 Settembre 2016 12:46

La campanella è suonata ed una marea di ragazzini ha invaso pacificamente le scuole di ogni regione, con la consueta allegria che la gioventù porta con sé. La stessa scena, con gli stessi sorrisi e le facce assonnate abbiamo potuto viverla anche qui al centro Oasis, dove, come ogni anno, la scuola Madre Teresa apre le sue porte ai ragazzi provenienti dai villaggi nei dintorni.

Probabilmente il loro aspetto sarà meno curato, gli zaini non saranno alla moda, il materiale ridotto al minimo, ma i sogni dentro i loro cuori sono gli stessi. Ognuno di loro, chiudendo gli occhi, penserà ad un giorno quando potranno essere dottori, avvocati, maestri, infermieri o, perché no, Sindaco di Koudougou o Governatore della Regione. Tutto è possibile nel cuore dei bambini ed è nostro dovere non distruggere i sogni, ma anzi fare di tutto per renderli attuabili.

Il progetto di sostegno scolastico, parallelo al progetto Adozioni permette a tantissimi bambini, le cui famiglie non potrebbero permettersi il costo della scuola, di frequentare il percorso di istruzione d’uscire dal circuito della povertà e dell’emarginazione.

Non so se diventeranno grandi medici o importanti avvocati, ma l’importante è regalare loro una chance di vita.

In allegato troverete i risultati dei nostri ragazzi in Burkina. nelle scuole di Brousse e alla scuola Madre Teresa,

Presto, organizzando il progetto con i responsabili in Madagascar, cercheremo di iniziare un progetto similare in Madagascar. Vi terremo aggiornati perché il Diritto all’Istruzione non ha confini!

Scritto da administrator

   

Un abbraccio ai nostri amici tedeschi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Domenica 12 Giugno 2016 19:00

Un abbraccio ai nostri amici tedeschi, che attraverso gesti concreti continuano a sostenerci nelle attività del Centro e nell'azione solidale verso la popolazione locale. Una bici, un sacco di miglio, una capretta...certamente non sconvolgono l'ordine delle cose e non cambiano il mondo, ma possono donare speranza e aiuto a chi, nel momento del bisogno, bussa alla nostra porta. Una porta sempre aperta e che vorrebbe raggiungere sempre più persone. Le difficoltà non sempre ci permettono di aiutare tutti, ma un sorriso, la condivisione e l'amicizia non mancheranno mai nella "nostra" corte.
Se volete contribuire a donare un sorriso attraverso gesti semplici, contattateci e visitate il sito www.oasisenzomissoni.org

Chi volesse venire a trovarci troverà inoltre sempre una stanza pronta, amici con i quali condividere momenti di gioia e, perché no, magari anche una bella birra gelata insieme ad Enzo ed ai nostri volontari.
Grazie

 

 

Scritto da administrator

   

E arrivato Maurizio

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Domenica 12 Giugno 2016 18:31

I nostri sforzi ed il nostro impegno.....un nuovo arrivo!

 

E' arrivato Maurizio!
Le attività di impostazione dei progetti agricoli e zootecnici continuano. Ieri è arrivato "Maurizio", l'asinello acquistato grazie agli amici di San Maurizio canavese (lo abbiamo chiamato così in loro onore) che aiuterà i ragazzi nell'aratura dei campi. In Burkina vengono infatti usati gli asini, molto più resistenti e docili rispetto ai buoi. Inoltre, grazie ad altri benefattori, è stato allestito, nella vecchia tettoia dietro il Cren, un pollaio che ospiterà a breve i 50 pulcini acquistati dagli amici tedeschi....piccoli passi verso la realizzazione dell'autosufficienza alimentare del centro. Adesso ovviamente aspettiamo le foto dei pulcini!!!
Grazie a tutti!

Scritto da administrator

   

Una nuvola di polvere

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Domenica 12 Giugno 2016 18:23

Una nuvola di polvere entra nelle narici, forte, acre e inebriante. Faccio fatica quasi a vedere i compagni che mi aiutano a preparare la distribuzione. Un momento e devo fermarmi, uscire per respirare aria calda, ma almeno libera da quel pulviscolo che porta gioia e vita.

La distribuzione del miglio ai ragazzi è sempre un momento unico al centro. Vengono dai villaggi a piedi con il loro sacco o con un secchio, che riempito verrà riportato a casa, ringraziando con un inchino ed un sorriso appena accennato.
Il momento più emozionante è vedere le mani correre veloci sul cemento della sala alla ricerca anche del più piccolo dei granelli di cereale, perché neanche uno deve andare disperso. 
Il contenuto del sacco sarà ovviamente condiviso con tutta la famiglia, in una festa semplice, ma vera. In una società dove il cibo ha una valenza sociale, che in Italia abbiamo ormai quasi dimenticato, il rispetto e la cura per un sacco di miglio è davvero difficile da descrivere e la polenta, ricavata dal cereale, unità ad una semplice salsa di erbe amare e verdure, può trasformare una serata qualsiasi in una serata di festa. Vi assicuro che nelle loro preghiere non mancherà il ringraziamento per ognuno di Voi.
Grazie
Contribuisci con un una fornitura di miglio (20€ per donare un sorriso)
per info su progetti www.oasisenzomissoni.org

 

Inizio modulo

Scritto da administrator

   

Pagina 1 di 20